Inammissibile l’impugnazione al CNF proposta a mezzo difensore non cassazionista o privo di procura speciale (se non pure sottoscritto dal ricorrente munito di jus postulandi)

Nel giudizio dinanzi al CNF, l’incolpato può difendersi personalmente, purché iscritto nell’albo professionale ed in possesso dello ius postulandi, ovvero farsi assistere da altro avvocato, purché iscritto all’albo dei patrocinanti davanti alle Giurisdizioni Superiori e munito di mandato speciale, ovvero espressamente conferito per la fase di gravame in via autonoma e successiva alla decisione da impugnarsi, non potendosi fare riferimento a precedenti procure, quindi anche rilasciate per ogni fase e grado del giudizio (Nel caso di specie, il ricorso al CNF era stato proposto a mezzo di avvocato non cassazionista, ma non pure sottoscritto personalmente dall’interessato, peraltro privo di jus postulandi. In applicazione del principio di cui in massima, il ricorso è stato dichiarato ammissibile).

Consiglio Nazionale Forense (pres. f.f. Corona, rel. Brienza), sentenza n. 98 del 27 marzo 2024

Classificazione

- Decisione: Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 98 del 27 Marzo 2024 (respinge) (cancellazione amm.va)
- Consiglio territoriale: COA Messina, delibera n. 246 del 05 Aprile 2023 (cancellazione amm.va)
Giurisprudenza CNF

Related Articles

0 Comment