Inammissibile l’impugnazione al CNF carente della specificità dei motivi del gravame

La specificità dei motivi del gravame, necessaria al fine della ammissibilità del ricorso al CNF richiede l’indicazione chiara ed inequivoca, ancorchè succinta, delle ragioni di fatto e di diritto della doglianza, tale da consentire l’esatta identificazione dei limiti del devolutum e, quindi, delle questioni che si intendono sottoporre al riesame, con la conseguenza che va ritenuta inammissibile l’impugnazione generica che chieda una riforma della decisione gravata, senza individuare con chiarezza quali siano le statuizioni investite dal gravame stesso e quali siano le censure in concreto mosse alla motivazione di tale decisione.

Consiglio Nazionale Forense (pres. f.f. Napoli, rel. Berti Arnoaldi Veli), sentenza n. 137 del 5 luglio 2023

Classificazione

- Decisione: Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 137 del 05 Luglio 2023 (respinge) (radiazione)
- Consiglio territoriale: CDD Palermo, delibera del 22 Dicembre 2022 (radiazione)
- Decisione correlata: Corte di Cassazione n. 9949 del 12 Aprile 2024 (respinge)
Giurisprudenza CNF

Related Articles

0 Comment