L’impugnazione tardiva è inammissibile

E’ inammissibile in quanto tardivo l’appello proposto oltre il termine di legge, giacché i termini per la impugnazione delle decisioni sono perentori e non possono pertanto essere prorogati, sospesi o interrotti, se non nei casi eccezionali espressamente previsti dalla legge (Nel caso di specie trattavasi di impugnazione avverso la sanzione disciplinare del CDD, proposta oltre il termine di cui all’art. 61 L. n. 24/2012).

Consiglio Nazionale Forense (pres. f.f. Greco, rel. Ollà), sentenza n. 132 del 13 settembre 2022

Classificazione

- Decisione: Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 132 del 13 Settembre 2022 (respinge) (censura)
- Consiglio territoriale: CDD Brescia, delibera del 12 Gennaio 2018 (censura)
Giurisprudenza CNF

Related Articles

0 Comment