L’errore materiale non è causa di nullità della decisione disciplinare

La presenza di meri refusi o di imprecisioni terminologiche non determina la nullità della decisione disciplinare, trattandosi di mero errore materiale, ove non siano tali e tanti da pregiudicare l’intelligibilità della decisione stessa, sia nella sua parte motiva che in quella dispositiva.

Consiglio Nazionale Forense (pres. f.f. Corona, rel. Melogli), sentenza n. 87 del 1° giugno 2022

NOTA:
In senso conforme, tra le altre, Consiglio Nazionale Forense (pres. f.f. Picchioni, rel. Salazar), sentenza del 12 settembre 2018, n. 105, Consiglio Nazionale Forense (pres. Mascherin, rel. Calabrò), sentenza del 20 marzo 2018, n. 14, Consiglio Nazionale Forense (pres. f.f. Salazar, rel. Pasqualin), sentenza del 20 ottobre 2016, n. 306.

Classificazione

- Decisione: Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 87 del 01 Giugno 2022 (respinge) (sospensione)
- Consiglio territoriale: CDD Venezia, delibera n. 53 del 27 Luglio 2018 (sospensione)
Giurisprudenza CNF

Related Articles

0 Comment