Quesito del COA di Firenze in materia di incompatibilità con la carica di componente il Consiglio di disciplina

Con riferimento al quesito urgente in oggetto, la Commissione consultiva, riunitasi in via d’urgenza in data 7 agosto 2014, a margine della seduta amministrativa del Consiglio nazionale, ha deliberato quanto segue:

– si ritiene che l’incompatibilità di cui all’art. 3, comma 2 del regolamento in materia di elezioni dei consigli di disciplina vada intesa nel senso che la stessa riguardi i commissari d’esame che abbiano terminato il proprio incarico in periodo immediatamente antecedente l’elezione dei Consigli di disciplina.

Consiglio nazionale forense (rel. Picchioni), parere del 7 agosto 2014

Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Massa Carrara ha posto il seguente quesito: Se sussista l’obbligo di assicurazione professionale in capo all’Avvocato che, pur iscritto in un Albo di Avvocati in Italia, è altresì iscritto nell’Albo degli Avvocati di Lussemburgo e svolge esclusivamente in tale paese la propria attività, senza prestare alcuna attività professionale né conseguire alcun reddito da attività professionale in Italia.

Il parere viene reso nei seguenti termini.
La Legge n. 247/2012 disciplina l’esercizio della professione forense in Italia e prevede, all’art. 2, comma 3, che “L’iscrizione ad un albo professionale è condizione per l’esercizio della professione di avvocato”. L’art. 12, poi, pone l’obbligo per l’avvocato, iscritto ex art. 17 all’Albo ordinario previsto dall’art. 15, comma 1, lett. a), ovvero per l’associazione o per la società tra professionisti della quale l’avvocato iscritto faccia parte, di stipulare “polizza assicurativa a copertura della responsabilità civile derivante dall’esercizio della professione”.
Per quanto sopra, è pacifico che l’obbligo della copertura assicurativa anzidetta insorga in ragione dell’iscrizione dell’avvocato, che ne abbia diritto, nell’Albo ordinario, essendo questa condizione di per sé necessaria e sufficiente a consentire l’esercizio della professione nel nostro Paese, a ciò non ostando la contemporanea iscrizione del professionista iscritto in un Albo degli avvocati di un altro Paese UE.

Consiglio nazionale forense (rel. Merli), parere 22 novembre 2017, n. 93

Il COA di Santa Maria Capua Vetere formula quesito in merito alla necessità di previa iscrizione nel Registro dei praticanti per il soggetto che voglia avvalersi, al fine del computo di un anno di tirocinio, del periodo di stage svolto presso un ufficio giudiziario ai sensi dell’art. 73 del D.L. n. 69/2013.

Ad analogo quesito la Commissione ha dato risposta con il proprio parere n. 56/17, che integralmente si riporta:

Quesito n. 303, COA di Savona, Rel. Cons. Allorio e Amadei
Parere 12 luglio 2017, n. 56

Il COA di Savona pone diversi quesiti riguardanti l’interpretazione delle norme che disciplinano il tirocinio formativo presso gli Uffici Giudiziari, con particolare riferimento all’art. 73 del D.L. n. 69/2013. In particolare:
1) se il tirocinio formativo di cui all’art. 73 del D.L. 69/2013 (convertito con legge n. 98/2013) sia o meno disciplinato dal contenuto del D.M. 58/2016;
2) se il tirocinante presso gli Uffici Giudiziari ex art. 73 del D.L. 69/2013 al fine di poter utilmente utilizzare il periodo di tirocinio ai fini della pratica forense (valutato un anno ex art. 73, comma 13 e richiamato dall’art. 3, comma 5 del DM 70/2016): a) debba iscriversi preventivamente al registro dei Praticanti e svolgere un semestre presso uno Studio legale oppure b) debba iscriversi contestualmente al registro dei praticanti e svolgere il tirocinio presso l’Ufficio giudiziario oppure c) possa svolgere il tirocinio presso l’Ufficio Giudiziario e contestualmente, quando lo ritenga a discrezione l’interessato, iscriversi al registro dei praticanti per svolgere il semestre di pratica oppure d) completare il tirocinio formativo presso l’Ufficio Giudiziario ed al suo termine svolgere il semestre di pratica presso uno Studio legale (in quest’ultimo caso vi sarebbe un tempo di validità del tirocinio ex art. 73 cioè un termine entro cui svolgere il semestre di pratica presso lo studio legale?)”.
In risposta ai quesiti posti, dopo ampia discussione, ritiene la Commissione dover conclusivamente delineare il quadro normativo riguardante i tirocini formativi presso gli Uffici Giudiziari, già oggetto di diversi pareri nel tempo resi in argomento (n. 100 del 21 ottobre 2015; n. 82 del 13 luglio 2016; n. 14 del 22 febbraio 2017).
Nel nostro ordinamento vi sono due tipi di tirocini presso gli Uffici Giudiziari, entrambi a valere per l’accesso all’esame di Avvocato: l’uno regolato dall’art. 73 del D.M. 69/2013, l’altro disciplinato dall’art. 44 della Legge n. 247/12.
1. Il primo è in sostanza uno stage, con modi di accesso e di svolgimento, finalità precipua (titolo valido per il concorso in Magistratura) e durata (18 mesi) suoi propri. Lo svolgimento dello stage presso gli Uffici Giudiziari con esito positivo vale 12 mesi ai fini della pratica forense (se non vi sia stata l’approvazione finale del magistrato affidatario, alcun periodo può valere ai fini della pratica forense).
L’art. 73 del D.M. n. 69/2013 prevede che questo tirocinio presso l’ufficio giudiziario possa essere svolto (anche) contestualmente alla pratica forense di sei mesi presso lo Studio di un avvocato, potendo iniziare in ogni momento nel corso dello stage, nel qual caso l’attività di formazione deve essere “condotta in collaborazione con il CNF, per il tirocinio presso la Cassazione, e con i Consigli degli Ordini negli altri casi, secondo le modalità individuate dal Capo dell’Ufficio”. (D.M. n. 69/2013, art. 73, comma 5/bis). Prima dell’inizio della pratica presso un avvocato sarà ovviamente necessaria l’iscrizione nel Registro dei Praticanti.
L’iscrizione nel Registro dei Praticanti e lo svolgimento della pratica presso un avvocato può essere (anche) successiva al compimento del tirocinio presso l’ufficio giudiziario, dovendo iniziare comunque non oltre i sei mesi dal termine dello stage, dovendosi il tirocinio forense svolgersi in forma continuativa, con l’interruzione massima di sei mesi (secondo la previsione generale dell’art. 41, n. 5, Legge n. 247/2012).
Questo tirocinio è stato fatto salvo dall’art. 3, n. 5 del D.M. n. 70/2016 (emanato secondo la previsione dell’art. 41 della Legge n. 247/12) e appare estraneo alle previsioni del D.M. n.58/2016.
2. L’altro tipo di tirocinio presso gli Uffici Giudiziari, previsto dall’art. 44 della Legge n. 247/2012 come una delle modalità secondo cui può essere svolta parte della pratica, è invece regolato dal D.M. n. 58/2016 e vale esclusivamente ai fini della pratica forense. Questo tirocinio, regolato dall’art. 44 della Legge n. 247/2012 e dall’art. 2 del D.M. n. 70, prevede che il praticante si sia iscritto al Registro e che abbia svolto presso uno studio di un avvocato il primo semestre di pratica.

Consiglio nazionale forense (rel. Commissione), parere 22 novembre 2017, n. 92

Il COA di Livorno formula quesito in merito alla possibilità di disporre la cancellazione dell’iscritto che – pur sottoposto a procedimento disciplinare pendente – sia sottoposto a misura di amministrazione di sostegno, laddove l’estensione dei poteri conferiti all’amministratore determini il venir meno del requisito di iscrizione di cui all’art. 17, comma 1, lett. d) della legge n. 247/12 (pieno godimento dei diritti civili).

Questa Commissione ha già chiarito, con il proprio parere n. 37/17, che l’assolutezza del divieto di cancellazione in pendenza di procedimento disciplinare di cui all’art. 17, comma 16 della legge n. 247/12 conosce talune eccezioni, qualora entri in conflitto con interessi pubblici concorrenti (come ad esempio nel caso di incompatibilità). Nel caso dell’iscritto sottoposto ad amministrazione di sostegno, laddove i poteri conferiti all’amministratore siano tali da ridurre al minimo la capacità di agire dell’amministrato, ritiene la Commissione che l’esigenza di garantire l’interesse al corretto esercizio della professione, unitamente ad elementari considerazioni relative al rispetto della dignità dell’individuo e alla tutela dei suoi diritti fondamentali, consentano al COA di disporre la cancellazione, pure in pendenza di procedimento disciplinare.

Consiglio nazionale forense (rel. Picchioni), parere 22 novembre 2017, n. 91

Il COA di Trapani formula quesito in merito alla possibilità di disporre la cancellazione dell’iscritto che – già sospeso a tempo indeterminato per il mancato pagamento dei contributi annuali dovuti al COA – non intenda sanare la propria posizione debitoria.

La risposta è resa nei seguenti termini.
Ai sensi dell’art. 29, comma 6, della legge n. 247/12, l’iscritto moroso rispetto al pagamento del contributo annuale dovuto al COA è sospeso a tempo indeterminato con provvedimento non avente natura disciplinare.
L’espressa esclusione della natura disciplinare del provvedimento di sospensione determina l’inoperatività nella fattispecie de qua del generale divieto di cancellazione in pendenza di procedimento disciplinare, di cui all’art. 17, comma 16 della legge n. 247/12.
Ne consegue che il COA potrà pronunciare la cancellazione dell’iscritto che ne faccia istanza ai sensi dell’art. 17, comma 9 della medesima legge, ovviamente riservandosi di rivalersi in sede civile per le obbligazioni non adempiute fino alla data della cancellazione. Diversamente è a dirsi per il caso di cancellazione d’ufficio: tra le cause, tassative, in cui è ammessa la cancellazione d’ufficio, non è infatti prevista l’ipotesi di mancato pagamento dei contributi.

Consiglio nazionale forense (rel. Caia), parere 22 novembre 2017, n. 90

Il COA di Oristano formula quesito in merito alla sussistenza di conflitto di interessi per il caso in cui l’avvocato, difensore degli interessi di alcuni distretti di una ASL in giudizio, in distinti giudizi difenda interessi di soggetti privati avverso ulteriori distretti della medesima ASL.

Premette il COA che il sistema sardo delle aziende sanitarie locali – già articolato in distinte ASL corrispondenti a diversi territori – è ora articolato in unica ASL, suddivisa in distretti.
Trattasi, pertanto, di soggetto giuridico unico – la ASL – suddivisa in articolazioni territoriali. Ne consegue che, ove l’avvocato abbia assunto la veste di difensore in giudizio in uno o più distretti, non possa – seppure in distinti giudizi – difendere parti private avverso i medesimi o diversi distretti, in quanto – appunto – tutti i distretti fanno capo al medesimo soggetto giuridico.

Consiglio nazionale forense (rel. Caia), parere 22 novembre 2017, n. 89

Il COA di Trapani chiede di sapere se: il praticante avvocato, autorizzato ad esercitare l’attività professionale nei limiti e con le modalità di cui all’art. 41, comma 12 L. 247/2012 in sostituzione dell’avvocato presso il quale svolge la pratica forense (c.d. patrocinio sostitutivo) dovrà essere inserito nel RGInDE, gestito dal Ministero della Giustizia.

La risposta è nei seguenti termini:
Il ReGInDE, o Registro degli Indirizzi Elettronici, è l’elenco gestito dal Ministero della Giustizia, che contiene i dati identificativi e l’indirizzo PEC dei cosiddetti soggetti abilitati esterni, che intendano interagire con un Ufficio Giudiziario per via telematica.
Il ReGIndE non gestisce informazioni già presenti in registri disponibili alle PP.AA., nell’ambito dei quali sono recuperati, ad esempio ai fini di eseguire notifiche ex art. 149 bis c.p.c., gli indirizzi di PEC delle imprese o le CEC-PAC dei cittadini.
A norma dell’art. 2 del DM 44/11, lettera m), n. 3 sono soggetti abilitati esterni privati 3) soggetti abilitati esterni privati: i difensori delle parti private, gli avvocati iscritti negli elenchi speciali, gli esperti e gli ausiliari del giudice;
Orbene, poiché l’art.41, comma 12 non consente ai praticanti avvocato di assumere in proprio la difesa delle parti private, gli stessi non dovranno (né potranno) essere iscritti nel ReG.In.D.E.
Ove in possesso di indirizzo PEC, gli ammessi all’esercizio del patrocinio sostitutivo, al pari di tutti i professionisti, saranno invece inseriti nel c.d. INI-PEC.

Consiglio nazionale forense (rel. Secchieri), parere 25 ottobre 2017, n. 79

Il COA di Milano chiede di sapere se un Avvocato sospeso volontariamente ex. art. 20 comma 2 L. 247/12 debba assolvere all’onere della stipula di polizza per la responsabilità professionale e contro gli infortuni.

La risposta è nei seguenti termini:
a) quanto alla polizza per la responsabilità civile professionale:
La questione è già stata esaminata da questa Commissione con il parere 90/2016, dal quale non si ritiene di doversi discostare che così ha ritenuto:
L’art. 12 Legge n. 247/2012 sancisce in capo all’avvocato il dovere di stipulare una polizza assicurativa a garanzia dei rischi derivanti dall’esercizio dell’attività professionale. Si tratta, in tutta evidenza, di una prescrizione posta a tutela di due posizioni: da un lato, quella dell’avvocato, la cui attività potrebbe, anche a distanza di tempo, essere causa di danni verso terzi con conseguente obbligo di risarcimento; dall’altro, quella del cliente, che tale danno potrebbe subire. La copertura assicurativa, pertanto, deve permanere anche in capo all’avvocato sospeso a richiesta dall’attività professionale, sia perché la norma anzidetta non contempla eccezioni, sia in quanto il danno verso terzi potrebbe anche emergere, seppur risalente nell’origine ad epoca anteriore, durante il periodo di sospensione. In tal caso, infatti, qualora la copertura assicurativa non fosse stata rinnovata, il cliente non avrebbe più a disposizione la garanzia risarcitoria del danno accertato, la cui sussistenza è prescritta dalla legge.
b) quanto alla polizza infortuni:
Il quesito è superato dalla modifica dell’art. 12, comma 2, della legge n. 247/12, introdotta dal D.L. n. 148/17, conv. con l. n. 172/17, in conseguenza della quale il comma è formulato come segue: “all’avvocato, all’associazione o alla società tra professionisti è fatto obbligo di stipulare, anche per il tramite delle associazioni e degli enti previdenziali forensi, apposita polizza a copertura degli infortuni derivanti ai propri collaboratori, dipendenti e praticanti in conseguenza dell’attività svolta nell’esercizio della professione anche fuori dei locali dello studio legale, anche in qualità di sostituto o di collaboratore esterno occasionale”.

Consiglio nazionale forense (rel. Secchieri), parere 25 ottobre 2017, n. 78

Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Catania ha posto il quesito che può essere così sintetizzato: Se sussista contrasto normativo fra, da un lato, l’art. 9 D.P.R. n. 101/1990, ove si prevedeva che “in caso di pratica presso diversi territori di competenza di più Ordini, la competenza al rilascio del certificato di compiuta pratica spettava a che aveva eseguito i previsti accertamenti nell’ultimo semestre completo di attività del praticante avvocato”; dall’altro, con la previsione recata dall’art. 1 della Legge n. 180/2003, secondo la quale il certificato di compiuta pratica viene “rilasciato dal COA del luogo ove il praticante ha svolto la maggior parte della pratica.”.

Il parere viene reso nei seguenti termini.
L’art. 1 della Legge n. 180/2003 ha integralmente sostituito l’art. 9 del D.P.R. n. 101/1990, con la seguente dicitura: “L’art.9 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 10 aprile 1990 n. 101, è sostituito dal seguente: “Art. 9 (Certificato di compimento della pratica) 1. Il certificato di compiuta pratica di cui all’articolo 10 del regio decreto 22 gennaio 1934, n. 37, viene rilasciato dal consiglio dell’ordine del luogo ove il praticante ha svolto la maggior parte della pratica ovvero, in caso di parità, del luogo in cui la pratica è stata iniziata. Il certificato di compiuta pratica non può essere rilasciato più di una volta. 2. In caso di trasferimento del praticante, il consiglio dell’ordine di provenienza certifica l’avvenuto accertamento sui precedenti periodi. 3. Il certificato di cui ai commi 1 e 2 individua la Corte di appello presso cui il praticante può sostenere gli esami di avvocato”.
L’abrogazione, quindi, non ha creato un vuoto normativo, in quanto l’art. 9 è presente nel corpus del D.P.R. succitato nella versione novellata. Ne consegue, altresì, che l’asserito contrasto normativo non sussiste e la norma da applicarsi alla fattispecie in esame è, come correttamente specificato nel Bando Esame di abilitazione 2017, quella recata dall’art. 9 anzidetto, per come introdotta dalla legge di riforma n. 180/2003.

Consiglio nazionale forense (rel. Merli), parere 25 ottobre 2017, n. 77

Il COA di MANTOVA chiede di sapere: 1) se gli avvocati iscritti nell’Albo (recte: Elenco) Speciale, che risultano già assicurati con INAIL siano soggetti all’obbligo dell’assicurazione Infortuni; 2) se vi sia esonero dall’obbligo della polizza infortuni in favore dei dipendenti dello Studio Legale, già assicurati INAIL; 3) come ci si debba comportare laddove l’iscritto, affetto da gravi patologie, rappresenti la propria difficoltà a trovare una copertura assicurativa per gli infortuni, ovvero la reperisca solo condizioni particolarmente onerose.

La risposta è nei seguenti termini:
Il quesito è superato dalla modifica dell’art. 12, comma 2, della legge n. 247/12, introdotta dal D.L. n. 148/17, conv. con l. n. 172/17, in conseguenza della quale il comma è formulato come segue: “all’avvocato, all’associazione o alla società tra professionisti è fatto obbligo di stipulare, anche per il tramite delle associazioni e degli enti previdenziali forensi, apposita polizza a copertura degli infortuni derivanti ai propri collaboratori, dipendenti e praticanti in conseguenza dell’attività svolta nell’esercizio della professione anche fuori dei locali dello studio legale, anche in qualità di sostituto o di collaboratore esterno occasionale”.

Consiglio nazionale forense (rel. Secchieri), parere 20 dicembre 2017, n. 76