Avvocato – Norme deontologiche – Dovere di correttezza – Omessi controlli sull’operato del praticante – Inserimento in epigrafe e nella procura a difendere del nominativo del praticante – Illecito deontologico.

Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l’avvocato che ometta di controllare l’operato del praticante non abilitato e consenta l’inserimento del suo nome nell’epigrafe di un atto giudiziario e nella procura a difendere. (Nella specie è stata ritenuta congrua la sanzione della censura). (Rigetta il ricorso avverso decisione C.d.O. di Roma, 20 luglio 1999).

Consiglio Nazionale Forense (pres. DANOVI, rel. TESTA), sentenza del 29 marzo 2003, n. 36

Print Friendly